ATTACCO HACKER PRODOTTI CINESI DI VIDEOSORVEGLIANZA

In questi giorni i maggiori band del mercato mondiale CINESE di videosorveglianza DAHUA - SAFIRE - HIKVISION – UNIVIEW sono sotto attacco HACKERS.

E' ormai da giorni che si stanno verificando blocchi delle macchine in rete, NVR e telecamere IP, con la visualizzazione a schermo di un avviso che dichiara che il dispositivo è stato "hackerato": quindi i rispettivi DAHUA - SAFIRE - HIKVISION – UNIVIEW suggeriscono AGGIORNAMENTI IMMEDIATI e COSTANTI con l'ultima versione esistente.

Tutti i costruttori di prodotti per la TVCC rendono disponibili le versioni più aggiornate di ogni dispositivo, anche se datato (in verità gli aggiornamenti sono in continua evoluzione e spesso vanno aggiornati anche da nuovi, appena acquistati). 

Gli aggiornamenti sono utili non solo per migliorare le performances del dispositivo ma anche a "chiudere" quelle falle più o meno pericolose non evidenziate in versioni precedenti che potrebbero permette l'accesso non desiderato ad un malintenzionato della rete, p.es.: le famose "backdoors". Nei siti dei rispettivi brand potete trovare, previa registrazione, i firmwares più recenti di ogni singolo  dispositivo.

Perchè siate più informati:

dahua videosorveglianza marchi

DAHUA è un’azienda Cinese che, nel tempo, si è ricavata un ruolo di grande rilievo in questo campo, seconda a livello mondiale. Il suo catalogo è molto completo e spazia pressappoco fra tutti gli ambiti della videosorveglianza, sia in termini di tecnologie proposte sia in termini di varietà di software e hardware. Adattabile e scalabile ad hoc, la tecnologia proposta da Dahua per la videosorveglianza è estremamente customizzabile in base alle esigenze. Questo brand fa dell’innovazione uno dei principali punti a suo favore, infatti le soluzioni HD-CVI sono state create sulla base di una nuova tecnologia Dahua interamente progettata e brevettata dal proprio dipartimento ‘Ricerca e Sviluppo’, permettendo una risoluzione estremamente elevata ed un assemblaggio davvero semplice.

Il prezzo economico la posiziona tra le preferite nel mondo commerciale della videosorveglianza ma, come abbiamo visto, senza non poco prezzo da pagare in termini di affidabilità della Privacy e della sicurezza nelle connessioni.

 

hikvision

HIKVISION nasce in Cina come realtà del governo Cinese. Anche la sua proposta in termini di tecnologie copre pressappoco l’intero mondo della videosorveglianza; da soluzioni analogiche, a quelle digitali fino ad arrivare a quello con un approccio ibrido (a tecnologia mista). Di particolare interesse è la messa a punto di sistemi monocamera (quale la Fisheye 180°) che, eliminando la presenza di angoli ciechi, possono riuscire a monitorare l’intero locale in questione, Hikvision insieme a TWT, altro produttore importante Orientale ha sviluppato la tecnologia TVI, che permette alta risoluzione su cavo coassiale. 

Anche Hikvision, come Dahua, è un prodotto estremamente economico, per posizionarsi come prodotto professionale, ma in questo caso il prezzo basso potrebbe essere il risultato di aiuti governativi cinesi, per spingere il prodotto ad essere posizionato in quantità massiva presso i paesi occidentali. Sarà per poi controllarne i luoghi pubblici, stazioni, aereoporti o uffici statali? Nessuno ancora ne ha la certezza, ma alcuni giornalisti inglesi hanno sollevato, già da qualche anno, il dubbio che grazie all'installazione di telecamere cinesi, i governi orientali possano controllare i paesi occidentali. Recentemente anche esponenti del nostro Parlamento hanno sollevato dubbi circa l'utilizzo di dette telecamere in luoghi pubblici o statali (vedi Gara Videosorveglianza Consip nel nostro post del 28/08/17).